Crea sito

Incredibile|CAMBIA IDENTITA’ CON UN CLIC: Ecco come fare..

Anche in Italia la piattaforma permette di identificarti come meglio credi. Ma cosa significa cisgender? E genderfluido? E pangender? Breve guida per orientarsi tra le definizioni

In foto, A cliche concept, Holly Hartford

Da questa settimana la spaventatissima famiglia no gender ha un nuovo nemico da temere. E stavolta è un nemico assai più potente, economicamente in forze e influente della scuola italiana. Perché se anche Mark Zuckerberg si schiera apertamente in favore della libera espressione dell’identità di genere, beh. Buona fortuna con le petizioni.

Cosa è successo: sulla falsariga di quanto già fatto nella versione inglese della piattaforma, da questa settimana gli utenti italiani di Facebook potranno scegliere fra diversi termini per caratterizzare la loro identità di genere. Potranno selezionare con quali e quanti utenti condividere queste informazione e decidere i pronomi anche al di fuori della dicotomia lei/lui.

Basterà andare su Informazioni -> informazioni di contatto e di base -> sesso-> personalizzata e vedrete: l’autodeterminazione non è mai stata così semplice.

Le opzioni sono infinite, perciò se la casellina “cisgender” vi va stretta e la vostra identità su Facebook non corrisponde al vostro io, ora potreste sentirvi tipo così:

Ma cosa significa cisgender? E perché, ci sono anche persone che non sono cisgender? Eccome. Perché? Perché il genere non è innato (ma si costruisce) e non coincide necessariamente con l’identità biologica. E nemmeno con l’orientamento sessuale. Troppa confusione? Troppe caramelle?

Breve guida ad alcune opzioni messe a disposizione da Facebook.

1. Cisgender uomo/ cisgender donna: facile. Vi identificate nel genere che vi è stato assegnato alla nascita. I vostri pronomi sono “lui” e “lei”. Per voi Facebook non è cambiato di una virgola.

2. Uomo trasgender/donna trasgender: vi identificate in un genere che non è quello che vi è stato assegnato alla nascita. Ulteriore livello di specifica: MtF, male to female, indica una persona in transizione da “maschio” a “femmina”. FtM, female to male, il contrario. E se vi interessa sapere come si cambia sesso in Italia, prego, da questa parte.

3. In esplorazione: non siete ancora certi di quale sia il vostro genere e state contemplando diverse opzioni. Potreste scegliere, così come scegliere di non definirvi mai. A voi sta bene così, a Facebook sta bene così.

4. Intersessuale: i vostri cromosomi, genitali e/o caratteri sessuali secondari non sono definibili come esclusivamente maschili o femminili.

5. Bigender: vi identiticate in due generi allo stesso tempo.

6. Genderqueer: non riconoscete la binarietà del genere uomo/donna e vi posizionate oltre questo steccato (dopo averlo saltato con un po’ di disprezzo)

7. Pangender: tutti i generi. Tutti.

8. Agender: nessun genere. Non vi si confà nessuna delle caratteristiche attribuite ai diversi generi. Li riconoscete, ma non fanno per voi

9. Androgino: riconoscete in voi caratteristiche e qualità sia “maschili” che “femminili”. Più in profondità: potreste definirvi anche demi-girl o demi-guy. Vi identificate in parte come una ragazza o un ragazzo, ma non un ragazzo o ragazza nella sua totalità.

10. Genderfluido: in costante evoluzione attraverso lo spettro

fonte

You may also like...